Traduzione certificata: che cos’è e come si ottiene

Francesco Di Tommaso

Francesco Di Tommaso

Avete bisogno di una traduzione certificata ma non sapete cos’è e come si ottiene? Bene, questo è l’articolo che fa per voi. In questo articolo vi spiegherò nel dettaglio che cos’è una traduzione certificata e come viene prodotta.

Cosa significa traduzione certificata?

Una traduzione certificata è una traduzione autenticata dalla firma e dal timbro del traduttore ufficiale ed allegata ad una certificazione, che viene rilasciata dallo stesso traduttore o studio di traduzione/translation service provider. Questa certificazione si chiama Certification of Translation Accuracy (in italiano: Certificato di Accuratezza della Traduzione). Vediamo nello specifico in cosa consiste questo certificato.

Il Certificato di Accuratezza della Traduzione

Il Certificato di Accuratezza della Traduzione, come indica il nome stesso, attesta l’accuratezza ed autenticità della traduzione. A tal fine, viene compilato dal traduttore con i suoi dati anagrafici e le informazioni su eventuali qualifiche professionali. Solitamente, viene rilasciato in carta intestata e con i dati di contatto del traduttore o dell’azienda fornitrice della traduzione.

Nella prima parte del certificato di accuratezza il traduttore attesta le sue qualifiche ed iscrizioni (ad esempio: iscrizione all’Albo CTU di un tribunale oppure membro AITI/ANITI o altro ente italiano o internazionale in qualità di traduttore professionale), nonché la sua competenza nelle lingue di traduzione.

A seguire, il traduttore attesta che la traduzione è accurata, ovvero veritiera e conforme al documento originale. In fondo al certificato, infine, il traduttore appone la sua firma ed il suo timbro.

Questo certificato è solitamente redatto nella lingua di arrivo. Trattandosi di un documento emesso da un azienda o da un professionista, inoltre, non è soggetto ad alcuna imposta di bollo, non è un atto pubblico e non ha valore ufficiale,  a differenza della traduzione giurata in tribunale. Per sapere di più sulle differenze tra traduzione certificata e traduzione giurata, potete consultare il nostro articolo dedicato a questo link.

traduzione certificata

Quando scegliere la traduzione certificata?

La traduzione certificata con CTA (in inglese: Certificate of Translation Accuracy) viene spesso richiesta e riconosciuta pienamente dai paesi anglofoni (come il Regno Unito, Irlanda, Stati Uniti, Canada, Australia) dove, per la maggior parte degli uffici pubblici (oltre che le aziende e gli enti privati) è sufficiente allegare alla traduzione un certificato di accuratezza rilasciato dal traduttore, con la sua firma ed i suoi dati, per rendere una traduzione ufficiale.

Inoltre, le traduzioni certificate vengono spesso richieste generalmente da aziende, istituti finanziari e assicurativi ed altri enti privati, per le quali non è necessariamente richiesta l’asseverazione in tribunale della traduzione.

Se desideri avere maggiori informazioni sulle traduzioni giurate o vuoi scoprire quale tipologia è più adatta per i toi documenti contattaci tramite il modulo alla pagina Contatti o scrivendo direttamente a: info@traduzionicertify.com. Per un preventivo immediato e gratuito compila il modulo in basso, ti risponderemo con tutti i dettagli di costi, tempi e procedure, senza impegno.