Differenza tra traduzione asseverata o giurata e traduzione certificata

Francesco Di Tommaso

Francesco Di Tommaso

Mi capita spesso che clienti mi chiedano il significato di traduzione asseverata in tribunale o giurata, e quali siano le differenze, in termini di natura dell’atto e delle sue funzioni, tra traduzione giurata e traduzione certificata esclusivamente dal traduttore.

Traduzione giurata o asseverata

Una traduzione giurata è una traduzione autenticata resa ufficiale da un verbale di giuramento, compilato e firmato dal traduttore professionista. Il verbale di giuramento viene allegato alla traduzione, timbrato, validato e registrato dal Pubblico Ufficiale (Cancelliere) presso l’ufficio Asseverazioni del Tribunale (o da un notaio o presso il consolato del paese di destinazione). Per la sua natura di atto prodotto da un organo giudiziario ha valore legale. Solitamente viene richiesta per documenti legali e societari, atti notarili e certificati pubblici, penali e accademici, al fine di certificarne la conformità al documento originale. L’atto è composto da tre parti: il documento originale, la traduzione ed il verbale di giuramento, il tutto firmato, timbrato e spillato insieme in modo da formare un unico fascicolo. La traduzione giurata viene firmata o timbrata in congiunzione con l’originale, ovvero tra la pagina dell’originale e la prima pagina della traduzione. Per questa ragione, se viene separata dall’originale e dal verbale di giuramento perde il suo valore legale.

Il servizio di asseverazione è soggetto all’apposizione di imposte di bollo, il cui valore solitamente ammonta a 16€ per ogni 100 righe di traduzione.

Traduzione certificata con CTA

Le traduzioni certificate, invece, sono accompagnate da una Certification of Translation Accuracy, ovvero da un certificato di accuratezza della traduzione emesso dallo stesso traduttore o agenzia di traduzioni, redatto solitamente nella lingua di arrivo e recante timbro, firma e dati del traduttore professionista. Il certificato di accuratezza certifica dunque la competenza linguistica del traduttore e la autenticità della traduzione.

La traduzione certificata con CTA si differenzia dalla traduzione giurata in quanto non è asseverata in tribunale e quindi non ha valore legale, e non richiede l’apposizione di imposte di bollo. In base alla natura dei documenti e alla loro destinazione, per alcuni uffici può non essere necessaria una traduzione giurata in tribunale, ma basta la certificazione di un traduttore ufficiale.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci tramite il modulo alla pagina contatti  oppure scrivici direttamente a info@traduzionicertify.com.

Desideri un preventivo immediato e senza impegno? Compila il modulo di richiesta preventivo a questo link.