Il conflitto della doppia fedeltà in traduzione

Francesco Di Tommaso

Francesco Di Tommaso

Il traguardo del traduttore professionista in ogni processo di traduzione è l’individuazione del punto di equilibrio tra la doppia fedeltà della traduzione, che agisce come fuoco incrociato sulle giuste scelte linguistiche. Cosa si intende per doppia fedeltà in traduzione? Chiariamo innanzitutto il concetto di fedeltà al testo di partenza.

Una traduzione non è un testo scritto ex-novo, le sue parole sono la riproduzione in una determinata lingua, detta lingua di arrivo o destinazione, del contenuto di un testo scritto in un’altra lingua, detta lingua di partenza o di origine. Per questa sua natura la traduzione si confronta costantemente e parallelamente con il relativo testo in lingua di partenza. Questo confronto si fonda sul principio di fedeltà, ovvero la misura in cui la traduzione riproduce e riflette il contenuto del testo di partenza. Maggiore fedeltà al testo di partenza significa una maggiore aderenza al testo di partenza sia in termini di contenuto, che di stile e di scelte lessicali. Una traduzione troppo letterale è una traduzione eccessivamente fedele al testo di partenza. Una traduzione legale o tecnica, che utilizza strutture sintattiche e scelte lessicali rigide che non danno spazio allo stile dell’autore, o una traduzione che non deve riferirsi ad una componente letteraria del testo è una traduzione molto fedele al suo testo di partenza.
La fedeltà della traduzione al testo di partenza fa da antitesi ad un altro fattore che agisce sul processo traduttivo: la fedeltà alla lingua di arrivo, ovvero il livello di accuratezza di una traduzione, nel rispettare le costruzioni sintattiche ed operare le scelte lessicali e stilistiche più appropriate nella lingua di arrivo. La traduzione di un opera, di un romanzo, di una poesia, deve rispettare un certo livello di aderenza alla lingua di arrivo per riprodurre al meglio nella lingua di arrivo le emozioni e le intenzioni artistico-letterarie espresse nel testo di partenza, con l’utilizzo delle giuste scelte linguistiche equivalenti.

I due opposti principi di fiducia sono tuttavia entrambi presenti in ciascun processo di traduzione, l’uno non può prescindere dall’altro. Spetta al traduttore ponderare e dare il giusto peso alle due direzioni per trovare il punto di equilibrio su cui verterà la traduzione.

F. Di Tommaso – Certify Traduzioni

A seconda del tipo di testo da tradurre, il traduttore professionista dedicherà maggiore spazio ad una delle due direzioni.

Doppia fedeltà in traduzione letteraria

Se il traduttore avrà di fronte un testo letterario, si concentrerà nella scelta delle migliori soluzioni stilistiche e lessicali per riprodurre nella traduzione le stesse intenzioni dell’autore; in altre parole, il traduttore dovrà favorire la seconda fedeltà, quella alla lingua ed al lettore di arrivo. Esprimere lo stesso contenuto, plasmando la forma affinché il significato e le emozioni dell’originale siano veicolate adeguatamente ed in modo equivalente. 

Doppia fedeltà in traduzione specialistica

Nel caso, invece, di documento tecnico, legale, finanziario o medico, che presenta un linguaggio settoriale, il traduttore si concentrerà più nel rendere la traduzione il più possibile fedele al testo di partenza, sacrificando lo stile ed il lessico per una traduzione specialistica che sia la più chiara e trasparente possibile, e non lasci spazio a alcuna incertezza o astrattezza nel contenuto, e sacrifichi la grazia e la finezza per una maggiore aderenza al linguaggio specialistico.  In questo secondo caso, dunque, il traduttore favorirà la prima fedeltà, quella dell’aderenza al testo di partenza.  Il contenuto tecnico, legale o medico del testo, caratterizzato da una natura categorica, basato sulla classificazione e la specializzazione, non dà spazio a virtuosismi e a scelte linguistiche che favoriscono più la sfera artistica e creativa del traduttore.

Benché in diversa misura ed in base al tipo di testo da tradurre, i due opposti principi di fiducia sono tuttavia entrambi presenti in ciascun processo di traduzione, l’uno non può prescindere dall’altro. Spetta al traduttore ponderare e dare il giusto peso alle due direzioni per trovare il punto di equilibrio su cui verterà la traduzione.

Se hai bisogno di tradurre i tuoi documenti, e vuoi scoprire di più suoi nostri servizi, scrivici a info@traduzionicertify.com.

Vuoi ricevere subito un preventivo senza impegno? contattaci compilando il modulo a questo link.