Che cos’è l’Apostille?

Ti è stata richiesta sui tuoi documenti, ma non sai esattamente di cosa si tratta? Bene, questo è l’articolo che fa per te. Vediamo allora insieme cos’è un’Apostille ed in cosa consiste la legalizzazione di documenti per l’estero.

Cos’è l’Apostille?

L’Apostille, termine francese per postilla, dal latino post illa (dopo quelle cose, dopo quelle parole), è un certificato basato su un modello preimpostato, riconosciuto internazionalmente dai paesi aderenti, che si allega (da qui post, cioè che si aggiunge dopo) e convalida un documento in altro paese diverso da quello di emissione. In altre parole, viene apposto per legalizzare un atto pubblico in un altro paese. Richiesto particolarmente per atti pubblici, l’Apostille ha una struttura predefinita, formata da 10 punti che devono rigorosamente essere tutti presenti sul documento, compilati e poi firmati in calce. Dunque, se uno solo di questi non è presente, l’Apostille perde la sua validità.

l’Apostille ha una struttura predefinita, formata da 10 punti che devono rigorosamente essere tutti presenti sul documento

Quando nasce?

L’Apostille, come la intendiamo oggi, viene introdotta con la Convenzione dell’Aia del 1961 sulla abolizione della legalizzazione di atti pubblici stranieri. L’intenzione della sua istituzione, in particolare, era proprio quella di snellire le procedure di legalizzazione di atti pubblici, renderle meno farraginose e complicate. I paesi che hanno sottoscritto questa convenzione, infatti, non devono seguire l’iter tradizionale di legalizzazione, per cui il documento, oltre a passare per l’ufficio preposto (La Prefettura o la Procura) deve poi essere approvato dalla relativa Ambasciata. La lista aggiornata dei paesi che hanno aderito alla Convenzione si può consultare a questo link.

Viene indicata convenzionalmente con il suo nome in francese in quasi tutti i paesi, proprio perché negli anni passati la lingua francese era lingua franca, ovvero la lingua della diplomazia e dei rapporti internazionali.

Per  quali documenti è necessaria?

Questa certificazione, dunque, è necessaria principalmente per atti pubblici (per esempio certificati di nascita, residenza, matrimonio), certificati penali, copie conformi di documenti di riconoscimento. In generale, per tutti quegli atti rilasciati da enti pubblici, governativi o giudiziari, per attestare delle informazioni di stato civile, o informazioni di tipo penale (es: certificato del Casellario Giudiziale). Inoltre, è spesso richiesta anche per atti notarili. Solitamente non viene richiesta per documenti accademici o di attestazione professionale, salvo richiesta specifica da parte dell’Ufficio a cui son destinati.

D’altra parte, per documenti privati, destinati ad aziende, l’Apostille (come qualsiasi timbro di legalizzazione) solitamente non è necessario.

Per qualsiasi altra informazione riguardo l’Apostille o la legalizzazione di documenti per l’estero, contattaci tramite il modulo alla pagina Contatti, o scrivi direttamente a info@traduzionicertify.com.

Se vuoi ricevere un preventivo di costi e tempi per un servizio di traduzione o legalizzazione, compila il modulo in basso. Riceverai tutti i dettagli di costi, tempi e procedure, senza alcun impegno.

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.