Legalizzazione dei titoli di studio per l’estero. Come si ottiene?

Francesco Di Tommaso

Francesco Di Tommaso

Stai per trasferirti all’estero per studio o lavoro e ti hanno chiesto la legalizzazione o Apostille del tuo diploma o certificato di laurea ma non sai cos’è e vuoi saperne di più? In questo articolo ti spiegherò come si ottiene la legalizzazione dei titoli di studio italiani per l’estero.

PREMESSA

Vorrei prima fare una premessa fondamentale per capire bene in cosa consiste la legalizzazione dei titoli di studio.

La legalizzazione di documenti dell’estero è una procedura che ha la funzione di autenticare un documento pubblico italiano per un paese estero. Senza la sua legalizzazione, nel paese estero il documento pubblico italiano non viene riconosciuto come valido.

La procedura di legalizzazione classica è composta da due fasi: prima si ottiene il timbro della Prefettura (o Procura, in caso di atto giudiziario o notarile), e poi la procedura viene completata con il timbro del Consolato del paese di destinazione in Italia. Per i paesi firmatari della Convenzione dell’Aia del 1961, invece, il documento viene legalizzato con il timbro di Apostille. L’Apostille snellisce e semplifica la procedura, perché per legalizzare il documento non è necessario ottenere anche il timbro del Consolato, ma essa stessa conferisce validità al documento.

Prima regola fondamentale, da tenere sempre a mente, è che la legalizzazione è possibile solo per documenti pubblici, e non documenti privati. Questo perché essa consiste, nello specifico, nella legalizzazione della firma e della qualifica del funzionario che ha firmato il documento. Le firme dei funzionari pubblici, infatti, sono depositate presso gli uffici delle Prefetture e presso gli uffici delle Procure della Repubblica di ciascun tribunale. Formalmente, dunque, l’autenticità del documento viene verificata confrontando la firma del funzionario con quella depositata nell’ufficio della Prefettura (o Procura). Per un documento privato, di conseguenza, questa pratica sarebbe impossibile, dato che la firma presente sul documento non è di un ufficiale pubblico e quindi non può essere verificata.

COME SI OTTIENE LA LEGALIZZAZIONE DEI TITOLI DI STUDIO PER L’ESTERO?

Se consideriamo la regola fondamentale della legalizzazione di documenti che ho indicato nel paragrafo precedente, ne consegue che la legalizzazione dei titoli di studio è più complessa e richiedere un passaggio ulteriore, rispetto ai normali atti pubblici.

I titoli di studio, infatti, non sono necessariamente atti pubblici e, dunque, le firme dei rettori, direttori amministrativi, presidi di facoltà, segretari, ecc. non sono idonee a verifica di autenticità, proprio perché non sono firme depositate di funzionari pubblici.

Come si può risolvere questo problema?

legalizzazione dei titoli di studio
Per ottenere la legalizzazione dei titoli di studio si procede con la copia conforme (o copia autenticata) del titolo.

Nonostante il tuo diploma o certificato universitario o scolastico non sia un atto pubblico, dal paese estero ti è stato richiesto il timbro di Apostille o di legalizzazione. In questo caso, per ottenere la legalizzazione del titolo di studio si procede con l’ottenimento di una copia conforme (o copia autenticata) del titolo. Si richiede, cioè, una copia del titolo timbrata e firmata da un ufficiale pubblico. Generalmente, le copie conformi di titoli di studio possono essere richieste presso il proprio Comune di residenza, oppure presso il Comune di residenza dell’ente scolastico/universitario.

Una volta ottenuta una copia conforme, con firma e timbro un ufficiale pubblico, il certificato universitario o scolastico diventa a tutti gli effetti un atto pubblico, perfettamente idoneo ad essere legalizzato per l’estero. La firma dell’ufficiale pubblico che ha firmato la copia, infatti, è depositata presso l’ufficio della Prefettura, dove si otterrà la legalizzazione per l’estero.

Riassumendo, l’iter da seguire per ottenere la legalizzazione di un certificato scolastico o universitario è il seguente:

  1. Fai una fotocopia del certificato universitario o scolastico
  2. Fai autenticare la fotocopia presso un ufficio pubblico (Comune, o studio notarile/legale). Ottieni, cioè, una copia conforme.
  3. Ottieni la legalizzazione della copia conforme del certificato presso la Prefettura della provincia di emissione della copia conforme.

Tutto chiaro? Hai altri dubbi o vuoi saperne di più? Scrivici a: info@traduzionicertify.com, ti invieremo tutte le informazioni di cui hai bisogno senza impegno.

Hai bisogno della traduzione certificata o giurata dei titoli di studio? Contattaci tramite il modulo di richiesta preventivo, ti invieremo un preventivo immediato e gratuito, senza impegno.