Le tre fasi del processo di traduzione

Il processo traduttivo, inteso come la parte centrale di un progetto di traduzione specialistica, quella tecnico-linguistica, è formato essenzialmente da 3 fasi consecutive ed imprescindibili: 1) la fase preliminare, 2) la fase di traduzione vera e propria e infine 3) la fase di revisione o garanzia di qualità.  Analizziamo nel dettaglio le tre fasi.

 

FASE PRELIMINARE

Questa è la fase che precede la traduzione vera e propria del testo, e riguarda tutte quelle operazioni che il traduttore specialista effettua prima di iniziare a tradurre il testo: la prima operazione è la lettura integrale del documento, che permette al traduttore di conoscere l’identità del testo, di inserirlo all’interno di un contesto, ma soprattutto di rilevare il tipo di linguaggio da tradurre e l’eventuale presenza di un lessico settoriale particolarmente tecnico, per il quale sia necessario un lavoro di ricerca.  Una volta individuato il contesto e decifrato il linguaggio, il traduttore individua il lessico tecnico e la eventuale nomenclatura specifica di luoghi, uffici, enti, titoli o altri riferimenti ad elementi contestuali presenti nel testo che necessitano di una ricerca ed approfondimento su fonti linguistiche, che possano rivelare il giusto equivalente. Il traduttore specialista decide se operare una ricerca preliminare degli equivalenti linguistici di tale componente lessicale specifica, oppure se procedere con la ricerca più avanti, nella seconda fase, ovvero nel corso della fase di traduzione.

FASE DI TRADUZIONE

Questa è la fase principale del processo traduttivo, dove avvengono le scelte degli equivalenti linguistici da parte del traduttore, e dove prende forma la traduzione. Durante questa fase il traduttore specialista tesse la sua tela, e dà vita ad un prodotto testuale nella lingua di arrivo legato da un rapporto di equivalenza al testo originale. Nella fase di traduzione il traduttore si avvale di una serie di strumenti di ricerca ed attrezzi del mestiere, che lo assistono nell’individuazione e nella scelta del giusto equivalente e favoriscono la fluidità e la accuratezza della traduzione. La ricerca dei giusti equivalenti linguistici è cruciale nell’individuazione delle soluzioni linguistiche più accurate. Il traduttore professionista ha ottime capacità di ricerca, e sa sempre ed in ogni occasione disporre in modo ottimale degli strumenti di ricerca per trovare il giusto equivalente. La ricerca di un termine particolarmente tecnico spesso può anche richiedere tempi relativamente lunghi. Ma in ogni caso, anche nel caso dell’utilizzo della machine translation e degli strumenti di computer aided translation, una traduzione di qualità è sempre il risultato di un accurato e meticoloso lavoro di ricerca linguistica da parte del traduttore.

Una traduzione di qualità è sempre il risultato di un accurato e meticoloso lavoro di ricerca linguistica da parte del traduttore

F. Di Tommaso – Certify Traduzioni

FASE DI REVISIONE O GARANZIA DI QUALITÀ’

La fase di revisione è la terza ed ultima fase ma della stessa e fondamentale importanza della fase precedente. Si tende spesso ad ignorare o sottovalutare l’importanza della revisione, o a concepirla come coincidente con la fase di traduzione. La revisione consiste nella rilettura completa del testo e nella eventuale correzione, modifica, aggiunta o omissione di testo, a discrezione del revisore. È importante sottolineare che la revisione avviene sempre in seguito al completamento della fase di traduzione, ovvero viene svolta solo una volta che la traduzione è completa ed integrale. Una revisione di una traduzione parziale o incompleta non è una revisione. La revisione è l’ottimizzazione della traduzione, ed è per questo che è associata al principio di garanzia di qualità, ovvero quella serie di interventi che si operano su un testo tradotto per correggerlo, migliorarlo o modificarlo su tutti i livelli, dal livello grammaticale o ortografico al livello di impaginazione o formattazione del testo. La fase di revisione può essere suddivisa in tre componenti: la correzione ortografica e grammaticale, in inglese proofreading, ovvero la correzione di eventuali refusi o errori di battitura, ortografici, grammaticali e sintattici. L’intervento di proofreading è particolarmente importante se la traduzione non è di qualità, ed è scritta da chi non ha una sufficiente conoscenza linguistica e competenza traduttiva. Quando si passa al livello semantico e lessicale, si parla di revisione vera e propria, ovvero un intervento mirato a migliorare lo stile ed affinare la scelta lessicale e verbale del testo. L’intervento di revisione varia la sua incidenza a seconda della tipologia di testo. Se il testo è molto tecnico, la revisione opererà principalmente a livello lessicale e di scelta linguistica. Nel caso di una traduzione letteraria, o di un testo a carattere divulgativo o di marketing, la revisione inciderà anche sullo stile del testo, migliorando o affinando la scelta iniziale del traduttore. In caso di traduzione di un sito web, o di un app o di un testo online, può essere necessaria un intervento di DTP (Desktop Publishing), ovvero quell’insieme di operazioni relative all’impaginazione di un testo editoriale.

Per maggiori informazioni o per una consulenza su un servizio di traduzione compilare il modulo di contatto su: www.traduzionicertify.com o scrivere a info@traduzionicertify.com

Per un preventivo, compilare il modulo di richiesta preventivo al seguente link: https://www.traduzionicertify.com/chiedi-preventivo/

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici Sui Social

Certify Traduzioni Certify Traduzioni di Francesco Di Tommaso, P. IVA 02038690687 © 2018. Powered by WebShop