Traduzione certificata o traduzione giurata: qual è la più adatta?

A seconda del tipo di documento tradotto e della destinazione d’uso, una traduzione può aver bisogno di essere certificata o giurata in tribunale. Questa procedura consiste nell’apposizione della firma e del timbro del traduttore su ciascuna pagina tradotta, nonché la compilazione e la firma di un certificato o una dichiarazione giurata, allegata alla traduzione, che attesta l’autenticità, la correttezza e la conformità della traduzione al suo originale, Molto spesso in tale certificato o dichiarazione è indicata anche la competenza e la qualifica del traduttore.

Ma qual è il tipo di certificazione più adatto ad una traduzione? Cerchiamo di fare chiarezza.

Partiamo dal presupposto che entrambe le tipologie sono valide in termini di certificazione, poiché in entrambe si certifica la traduzione come autentica ed entrambe recano il nome e la firma del traduttore. Ora vediamo insieme le loro caratteristiche sostanziali e per quali tipi di documenti è più adatta una tipologia anziché l’altra.

Traduzione certificata

La traduzione certificata è timbrata e firmata dal traduttore specialista ed allegata ad un Certificato di Accuratezza, in inglese Certificate of Translation Accuracy (abbreviato CTA), che è rilasciato direttamente dal translation service provider o dal traduttore freelance fornitore del servizio. Il certificato viene compilato nella lingua di arrivo, ed in esso si attesta l’accuratezza e l’autenticità della traduzione, nonché la qualifica del traduttore stesso (se iscritto all’albo CTU o presso altro ente in qualità di traduttore professionale) e la sua competenza linguistica. È redatto in carta intestata, e dunque contiene i recapiti e le informazioni di contatto del traduttore o del translation service provider.  Inoltre, non è giurata in tribunale e non ha valore legale, per questo motivo non richiede l’apposizione di marche da bollo.

Per quali documenti è richiesta?

La certificazione viene richiesta per tutte quelle traduzioni di cui è necessario attestare l’accuratezza, ma anche la qualifica o il titolo professionale del traduttore. Può essere richiesta per certificati accademici, diplomi universitari o scolastici, certificati professionali, documenti personali ed aziendali, ed in generale per qualsiasi tipo di documento che non è emesso da un ente pubblico governativo o giudiziario, e di cui, quindi, la relativa traduzione non necessita di essere attestata legalmente.

Traduzione giurata

La traduzione giurata, tecnicamente conosciuta come traduzione asseverata, invece, è una traduzione autenticata e resa ufficiale dalla firma ed il timbro del traduttore e da un verbale di giuramento rilasciato dall’Ufficio Asseverazioni o dall‘Ufficio del Giudice di Pace di un Tribunale. Il verbale di giuramento viene compilato e firmato dal traduttore ed allegato permanentemente alla traduzione. La procedura di asseverazione viene completata in Tribunale, dinanzi ad un pubblico ufficiale che verifica l’atto, appone il suo timbro e la sua firma sul verbale e registra la traduzione nell’archivio dell’ufficio. Firmando il verbale di giuramento, il traduttore giura (dichiara) di aver agito bene e fedelmente nel suo incarico e che la traduzione è autentica e conforme al suo originale. Per la sua qualità atto emesso da un ente giudiziario, la traduzione giurata ha valore legale ed è soggetta ad imposta di bollo.

Dato che, ad oggi, non è necessario essere traduttori professionali iscritti all’albo CTU del tribunale o alla Camera di Commercio per poter asseverare una traduzione, in alcuni verbali di asseverazione di tribunali italiani non è richiesta l’indicazione dell’iscrizione all’albo CTU. Inoltre, in quanto atto emesso da un tribunale italiano, il verbale è sempre in italiano e, ad oggi, non sono disponibili versioni multilingua.

Una traduzione può essere asseverata anche dinanzi ad un notaio o presso un ufficio consolare. In questi casi è accompagnata da una dichiarazione giurata (o affidavit), la cui funzione è identica a quella di un verbale di giuramento. Nel caso di una traduzione giurata presso un ufficio consolare in Italia, il testo dell’affidavit sarà sempre redatto nella lingua di arrivo.

Per quali documenti è richiesta?

L’asseverazione viene molto spesso richiesta per traduzioni di documenti legali, giudiziari, medici, societari, certificati pubblici di ogni genere (nascita, morte, matrimonio, residenza, stato libero, certificati penali, ecc), ovvero per la traduzione di documenti emessi da uffici pubblici o enti governativi. In generale può essere richiesta per qualsiasi documento, anche se solitamente è necessaria per documenti legali (come contratti, atti notarili, procure, dichiarazioni, sentenze e documenti giudiziari) e documenti che certificano delle informazioni anagrafiche, mediche, personali, societarie o accademiche/professionali.

Hai già capito di quale tipo di sevizio hai bisogno in base a queste informazioni? Richiedi subito un preventivo gratuito e senza impegno compilando il modulo in basso, e ti risponderemo con tutti i dettagli di costi, tempi e procedure. Se invece hai ancora dubbi o hai bisogno di maggiori informazioni, siamo a completa disposizione per una consulenza gratuita e ti indicheremo il servizio più adatto alle tue esigenze. Scrivici tramite il modulo alla pagina Contatti o mandaci direttamente una email all’indirizzo: info@traduzionicertify.com.

 

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici Sui Social

Certify Traduzioni Certify Traduzioni di Francesco Di Tommaso, P. IVA 02038690687 © 2018. Powered by WebShop